“Il management è il conseguimento di obiettivi tramite terzi”

A dirlo è Peter Drucker, il padre della scienza del management, con una definizione che pone l’accento sulla funzione intrinseca della delega nel fare impresa. Se il delegare attività e decisioni – o parti di esse – è quindi un aspetto che fa naturalmente parte della gestione aziendale, sgravando capi e imprenditori di molti pesi, perché è ancora così difficile farlo? Quante volte vi è capitato di dire o di pensare “devo fare tutto io”, “avrei bisogno di un giorno di almeno 36 ore”, accumulando stanchezza, stress e sfiducia verso i vostri collaboratori?

 

DELEGA E AUTONOMIA: FACCIAMO CHIAREZZA

Delegare è una soluzione in apparenza semplice e scontata. In pratica, è spesso approcciata in modo confuso e con preoccupazione, a causa di due elementi che caratterizzano la natura stessa della delega e che vanno gestiti con equilibrio: l’affidare e l’autonomia. Facciamo chiarezza.

Ogni attività comprende:

  • parti prescritte, per le quali esistono indicazioni, procedure e modi di procedere consolidati
  • parti discrezionali, che comportano scelte

Il manager offre:

  • autonomia quando lascia che il collaboratore svolga le parti discrezionali che competono al suo ruolo
  • delega quando lascia che il collaboratore svolga parti discrezionali di attività del suo ruolo di capo


Delegare
significa quindi affidare delle scelte. Questa attività può avvenire:

  • di volta in volta (la cosiddetta delega direzionale, espressione di giudizio e di scelta discrezionale esclusivi del capo)
  • In modo stabile (la cosiddetta delega organizzativa, che definisce o modifica la divisione del lavoro


C’è una prima considerazione importante nella delega che, se non viene definita in modo chiaro, rischia di creare intoppi: il livello della delega stessa.


Delega
troppo bassa:

  • le persone svolgeranno sempre le stesse attività > demotivazione, stagnazione, passività
  • il responsabile rimane oberato


Se la delega è troppo alta:

  • tra le persone ci sono maggiori probabilità di errori, ansia diffusa e profonda incertezza, con il rischio di bruciarsi
  • il responsabile manifesta comportamenti difensivi verso i collaboratori

 

PERCHÉ DELEGARE FA BENE

Gli effetti positivi della delega sono diversi e riguardano più livelli.

  • Sul piano operativo:
    • libera tempo ed energie in chi delega
    • favorisce lo sviluppo professionale del delegato e del delegante
  • Sul piano emozionale:
    • innesca un segnale di fiducia, motiva e aumenta le energie del delegato
    • favorisce la crescita ed il senso di responsabilità

 

Perché la delega sia efficace, devono sussistere i giusti presupposti, di tipo:

  • Organizzativo:
    • il ruolo del collaboratore dev’essere contiguo a quello del delegantee l’attività deve avere una frequenza / natura tale da suggerire e giustificare la delega
  • Personali del collaboratore:
    • preparazione professionale sufficiente, disponibilità mentale per accettare la delega, sicurezza nelle proprie capacità di riuscita
  • Psicologici del delegante:
    • avere fiducia che le persone possano cambiare, avere un po’ di fiducia nel collaboratore, saper gestire l’incertezza del risultato

 

Approfondiremo ulteriormente il tema nel prossimo post.

Devi affrontare una nuova sfida organizzativa? Parliamone!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali